La smorfia napoletana: il numero 29 – ‘O pate d’e criature (il padre dei bambini)

29. Il padre delle creature

‘O pate d’e criature, in italiano “il padre dei bambini” (il pene) nella smorfia napoletana è associato al numero 29.

Nel passato il simbolo fallico era ritenuto l’origine della vita poichè generatore di seme.

Come probabilmente gli uomini sognano molto spesso il numero 6 (Chella ca guarda ’nterra) è molto probabile che le donne sognino più spesso il numero 29. Tralasciando il chiaro messaggio sessuale, spesso lo si sogna per motivi molto più romantici, per esempio perchè si sente la necessità di condividere con qualcuno la propria vita, la propria quotidianità.

Quando invece è l’uomo a sognare un pene, questo potrebbe significare un certo complesso di inferiorità (più l’organo genitale maschile sognato è “piccolo” più il complesso di inferiorità è grande). Altro significato potrebbe essere la volontà di dominare in un rapporto sessuale, dare quindi dimostrazione della propria virilità.

Sognare un pene può anche significare congiunzione tra maschile e femminile, vitalità o un chiaro messaggio di stimolo all’azione. Sognare quindi il pene può avere come significato: attività, movimento, decisione, coraggio, responsabilità, che nella forma opposta possono ruotare in aggressività, sopraffazione, orgoglio e violenza.

Vediamo ora quali altri significati conferisce al numero 29 la smorfia napoletana o quali altri situazioni potrebbero essere assimiliate al numero 29.

Il numero 29 è anche associato ai fichi ancora attaccati all’albero o quelli ben maturi e quindi che si posso mangiare; il 29 è anche il numero del diamante o di un uomo “furbo”. Se nel sogno si ricevesse in regalato un diamante, correremo a giocare il 29.

Il numero 29 va giocato quando nel sogno si possiede un biglietto di qualsiasi tipo (concerto, treno, autobus, ecc…), oppure quando nel sogno si indossa un vestito nuovo e infine quando si sogna una macchina da cucito o un telaio.

Nella numerologia classica invece il 29 viene associato ai debiti.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *